Questa non è una canzone d’amore

«Milano non è una città da guardare ad altezza d’occhi» racconta Alessandro Robecchi. «Per capirla davvero bisogna guardare in basso, dove i seminterrati si riempiono di traffici, magazzini, laboratori, (…) oppure bisogna guardare in alto, dove i palazzi del primo Novecento sono cresciuti come per levitazione». Tra la Milano di sotto e quella di sopra si svolge una storia irrefrenabile di delitti e scherzi del destino, che vede in azione un gruppo vario e strampalato di personaggi che bene raccontano lo stato delle cose, quel misto assurdo e a tratti esilarante di fortuna e disgrazie, ricchezza e povertà, violenza e moralità. Un fortunato autore televisivo ha abbandonato la trasmissione cui deve il successo. Si chiama Crazy Love e racconta la vita sentimentale della «né buona né brava gente della Nazione». Sotterfugi, tradimenti, odio, passioni e rancori, al motto di «Anche questo fa fare l’amore». Un enorme successo, ma lui non ne può più. Mentre è felice e orgoglioso della sua scelta, una sera gli si presenta in casa un tizio che cerca di ucciderlo. Tre dita di un buon whiskey di 14 anni gettate in faccia al malintenzionato gli salvano la vita. Ma da qui in poi è un disastro. Una coppia di killer colti e professionali, due zingari in cerca di vendetta, una giovane segugia col cuore in frantumi, collezionisti e contrabbandieri di souvenir nazifascisti, qualche morto di troppo: questo di Robecchi è un giallo e una commedia, tra Sanantonio e Scerbanenco, lo Zelig e le canzoni di Enzo Jannacci. Una commedia nera, piena di suspense, di sorprese e paradossi. Raccontata da una voce caustica e cattiva, che tutto commenta e descrive con acuminata ironia, ma che si ferma anche a scrutare nel cuore dei personaggi, nel buio e nella luce della loro vita di inchiostro.

Titolo: Questa non è una canzone d’amore

Autore: Alessandro Robecchi

Editore: Sellerio

Anno: 2014

Lingua: Italiano

Isbn: 9788838931734

 

 

 

 

I tempi nuovi

Un piccolo buco nero alla tempia, le mani legate al volante, i pantaloni calati, così viene ritrovato Filippo Maria, uno studente modello, il figlio che tutti vorrebbero. Tutto lascia pensare a una esecuzione, anche se ci sono indizi discordanti e duemila euro nascosti in un libro nella stanza del ragazzo. Inizia l’indagine e le strade dei rudi e onesti sovrintendenti di polizia Carella e Ghezzi sono ancora una volta destinate a intersecarsi con quelle dei segugi dilettanti Carlo Monterossi – l’autore televisivo che ha abbandonato la trasmissione «Crazy Love» per eccesso di trash -, e l’amico Oscar Falcone, un investigatore privato un po’ al limite che ha deciso di dare stabilità alla sua attività aprendo un vero e proprio ufficio. Sua collaboratrice e socia Agatina Cirielli, la poliziotta del team Carella-Ghezzi che non sopporta i tempi nuovi, quelli dove è sempre il poveraccio a prendere botte. La prima cliente di Falcone è Gloria Grechi, trent’anni pieni di charme e un marito, Alberto, svanito nel nulla; una che dovrebbe struggersi di dolore per l’uomo perduto e che vorrebbe ritrovato, vivo o morto, ma che pare serena. E il mistero non riguarda solo la scomparsa, perché la signora nasconde molti segreti e dice tante bugie. Per tenerla al riparo – da chi? da cosa? – viene alloggiata a casa di Carlo Monterossi. La ricerca dell’uomo da parte di Falcone e Monterossi e la caccia all’assassino del ragazzo di Carella e Ghezzi si incrociano lungo le periferie milanesi, in villette anonime da Segrate a Corsico dove vanno e vengono furgoni che dietro lasciano una scia di banconote. È ancora Milano, questa volta quella fuori dalla prima cintura, la protagonista del romanzo di Robecchi, una metropoli avvelenata dai tempi nuovi a cui tutti si adeguano, compresa Flora De Pisis e la sua TV spazzatura.

Titolo: I tempi nuovi

Autore: Alessandro Robecchi

Editore: Sellerio

Anno: 2019

Lingua: Italiano

Isbn: 9788838939204

 

 

 

 

AVVISO AGLI UTENTI: Istruzioni per l’accesso in Biblioteca Rendella dal 5 marzo al 3 aprile 2020

La Biblioteca Rendella, vista l’emergenza di questi giorni, prova a restare aperta per consentire l’accesso all’utenza e alla comunità, adottando però tutte le misure igieniche e di sicurezza prescritte nell’allegato I al DPCM del 4 marzo u.s., soprattutto in riferimento all’obbligo di mantenere in ogni contatto sociale una distanza interpersonale di almeno un metro.

Pertanto:

  • sono garantiti i servizi di consultazione in sede, prestito a domicilio e interbibliotecario, reference, ricerca bibliografica;
  • l’accesso ai posti a sedere delle sale è rivolto solo ad un limitato numero di utenti: Sala Studio (14), Sala Young Adults (4), Sala Bambini (3), Sala Lettura A (3), Sala Lettura B (4), Sala Piazza del Sapere (9), Sala Prospero (20), Music Lab (4), Sala dell’Affresco (15). Prima di entrare nelle sale è doveroso lavarsi le mani con sapone o a mezzo igienizzanti propri o in dotazione presso la Biblioteca Rendella a disposizione dell’utenza previa richiesta al personale dell’Info Desk, del Music Lab e della Sala dell’Affresco;
  • tutti gli eventi, i laboratori e gli incontri con i gruppi di lettura in calendario fino al 3 aprile 2020, salvo ulteriori disposizioni, sono rinviati a data da destinarsi;
  • vi preghiamo, di rispettare gli altri e di non accedere in Biblioteca se si è affetti da qualsivoglia sindrome respiratoria (raffreddore, tosse, influenza, etc.). Il personale della Rendella inviterà a lasciare la Biblioteca gli utenti che non rispetteranno questa indicazione.

Da ultimo chiediamo comprensione e tolleranza per queste limitazioni che ci auguriamo siano temporanee e, se da tutti osservate con accuratezza, scongiureranno il rischio di dover addivenire, nostro malgrado, alla chiusura temporanea della Rendella.

Per ulteriori informazioni:
080-4140709 | info@larendella.it

Preda

Julia lavora alla Xymos, azienda che lavora per brevettare una nuova tecnologia medica: uno sciame di micro-videocamere che, iniettate all’interno del corpo umano, è in grado di effettuare diagnosi di estrema precisione. Ma qualcosa non va per il verso giusto. Julia, sempre più assorbita dal lavoro, e suo marito Jack sono sempre più distanti. La loro figlia minore, Amanda, è affetta da una strana malattia. Nel laboratorio della Xymos, nel deserto del Nevada, c’è un problema. Jack: esperto di programmazione, viene chiamato per porre rimedio a quello che sembra un banale incidente ma ben presto si trova a combattere contro un’entità sfuggita al controllo degli scienziati.

Titolo: Preda

Autore: Michael Crichton

Editore: Garzanti

Anno: 2018

Lingua: Italiano

Isbn: 9788811601913

 

 

 

 

Kentuki

Buenos Aires, interno giorno. Ma anche Zagabria, Pechino, Tel Aviv, Oaxaca: il fenomeno si diffonde in fretta, in ogni angolo del pianeta, giorno e notte. Si chiamano kentuki: tutti ne parlano, tutti desiderano “avere” o “essere” un kentuki. Topo, corvo, drago, coniglio: all’apparenza innocui e adorabili peluche che vagano per il salotto di casa, in realtà robottini con telecamere al posto degli occhi e rotelle ai piedi, collegati casualmente a un utente anonimo che potrebbe essere dovunque. Di innocuo, in effetti, hanno ben poco: scrutano, sbirciano, si muovono dentro la vita di un’altra persona. Così, una pensionata di Lima può seguire le giornate di un’adolescente tedesca, e gioire o preoccuparsi per lei; un ragazzino di Antigua può lanciarsi in un’avventura per le lande norvegesi, e vedere per la prima volta la neve; o ancora un padre fresco di divorzio può colmare il vuoto lasciato dall’ex moglie. Le possibilità sono infinite, e non sempre limpide: oltre a curiosità e tenerezza, il nuovo dispositivo scatena infatti forme inedite di voyeurismo e ossessione. Come i kentuki aprono una finestra sulla nostra quotidianità più intima, così Samanta Schweblin apre uno squarcio nella narrazione del reale: con un immaginario paragonato a quelli di Shirley Jackson e David Lynch, l’autrice trasporta il lettore in un’atmosfera ipnotica, regalandoci una storia sorprendente e dal ritmo vertiginoso.

Titolo: Kentuki

Autore:Samanta Schweblin

Editore: Sur

Anno: 2019

Lingua: Italiano

Isbn: 9788869981791

 

 

 

 

I cieli

Da sempre, ogni notte, Kate sogna di essere Emilia, una musicista e poetessa di origine italiana nell’Inghilterra della fine del Cinquecento. I suoi sogni filano una trama continua, che diviene sempre più reale. Minacciata dalla peste che arriva a Londra, tormentata dal presagio di una città bruciata e distrutta, Emilia decide di salvare il mondo. Ogni decisione che prenderà, influenzerà la sua vita e quella di Ben nel mondo del 2000. E quella di un giovane e sconosciuto poeta: William Shakespeare.
New York, 2000. Kate e Ben si incontrano a una festa e s’innamorano subito. È l’alba di un nuovo millennio, il primo senza una guerra in nessuna parte del mondo. L’ONU ha appena piantato la sua bandiera su Marte. Una senatrice del partito dei verdi sta per diventare la prima presidente degli Stati Uniti. Kate si addormenta, consapevole di essere amata.
Londra, 1593. Da sempre, ogni notte, Kate sogna di essere Emilia, musicista e poetessa italiana nell’Inghilterra della fine del Cinquecento. Tormentata dal presagio di una città bruciata e distrutta decide di salvare il mondo. Ogni decisione che prenderà, influenzerà la vita di un giovane e sconosciuto poeta, William Shakespeare, quella di Kate e di Ben, il mondo del Duemila.

Titolo: I cieli

Autore: Sandra Newman

Editore: Ponte alle Grazie

Anno: 2019

Lingua: Italiano

Isbn: 9788833310435

 

 

 

 

Friday black

Un centro commerciale che durante le campagne di sconto del Black Friday viene invaso da orde di consumatori-zombie; un parco a tema in cui i bianchi possono simulare di uccidere presunti malintenzionati neri; l’autore e la vittima di una sparatoria in una scuola che, dopo morti, cercano di prevenirne un’altra; un gruppo di attivisti neri che vendica con surreale violenza l’ennesima clamorosa assoluzione di un omicida razzista; un mondo postapocalittico in cui ogni giorno si ripete, in un loop eterno, una catastrofe nucleare. I dodici racconti di Nana Adjei-Brenyah sono un ritratto distopico degli Stati Uniti contemporanei, in cui la realtà del consumismo, delle diseguaglianze di classe, delle tensioni razziali, dell’uso incontrollato delle armi da fuoco vengono portate alle loro estreme conseguenze, usando in maniera brillante i dispositivi della satira, della narrativa fantastica, dell’horror. Al cuore delle storie restano però personaggi umanissimi e credibili, nostri simili, che cercano di conservare la sanità mentale o la coerenza morale in un mondo che deraglia: a loro – a noi – l’autore affida la sua speranza.

Titolo: Friday black

Autore: Nana Kwame Adjei-Brenyah

Editore: Sur

Anno: 2019

Lingua: Italiano

Isbn: 9788869981609

 

 

 

 

Un matrimonio americano

Celestial e Roy sono l’incarnazione del sogno americano: lui, pur provenendo da una famiglia della classe operaia della Louisiana, è riuscito a frequentare il college e ritagliarsi un posto nella società come dirigente, lei è una promettente artista emergente. Sposati da appena diciotto mesi, hanno una splendida casa ad Atlanta e stanno cercando di avere un figlio. Durante una visita ai genitori di Roy, la giovane coppia pernotta in un hotel. Dopo un litigio di poco conto, Roy esce dalla stanza per prendere del ghiaccio. Nella hall dell’albergo incontra una donna con un braccio fasciato, che gli chiede una mano per risolvere un problema con il condizionatore della propria stanza. Dopo aver scambiato quattro chiacchiere con la sconosciuta, Roy torna da Celestial, si riappacificano e si addormentano. All’alba vengono svegliati dalla polizia che butta giù la porta della stanza e arresta Roy con l’accusa di stupro. Ad additarlo come il proprio aggressore è la donna a cui ha prestato aiuto la sera precedente. La donna è bianca, Roy e Celestial sono afro-americani. Roy viene condannato a dodici anni per un crimine che non ha commesso, solo e unicamente in virtù del colore della sua pelle e del pregiudizio che ne consegue. Benché fieramente indipendente, Celestial si ritrova all’improvviso sola, povera e disarmata, trovando conforto in André, un amico d’infanzia da sempre innamorato di lei. Dopo cinque anni di carcere, la condanna di Roy viene commutata e lui si ritrova libero, pronto a tornare ad Atlanta e a riprendere in mano la propria vita, inconsapevole dei cambiamenti avvenuti negli anni della sua detenzione.

Titolo: Un matrimonio americano

Autore: Tayari Jones

Editore: Neri Pozza

Anno: 2018

Lingua: Italiano

Isbn: 9788854518025

 

 

 

 

26 febbraio 2020: Claudia Durastanti, La straniera

Il decimo libro scelto dal gruppo di lettura della Rendella è “La straniera di Claudia Durastanti.

L’AUTORE
Claudia Durastanti nasce a Brooklyn nel 1984. Il suo primo romanzo intitolato Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra (Marsilio, 2010) è l’epopea cruda, fantastica, umanissima di sei diverse giovinezze, sei modi d’intendere la vita coi suoi dolorosi passaggi epocali. Michael e Jane, Francis e Zelda, Edward e Ginger sono i protagonisti di storie di incontri e di distacchi, di solitudini forzate che, dal New Jersey degli anni settanta, arrivano a sfiorare la Manhattan anni novanta. Del 2013 è A Chloe, per le ragioni sbagliate (Marsilio) in cui l’autrice continua il racconto – intrapreso nel felicissimo esordio – del grande sogno infranto dell’America. Ma se le proprie origini culturali e biologiche non fossero sufficienti a spiegare un fallimento? Mark e Chloe coltivano l’illusione che l’amore possa correggere determinate distorsioni, ma le possibilità di riscatto prescindono dall’amore, perché seguono binari diversi, verso destinazioni a volte sorprendenti. Nel 2016 pubblica per la Minimum Fax Cleopatra va in prigione, romanzo struggente, duro, pieno di colpi di scena: l’autrice scatta una fotografia vivida e accorata della periferia urbana, il vero luogo dove in questi anni nascono le storie, e soprattutto racconta chi, nonostante le delusioni e i sogni infranti, continua a vivere e ad amare. La scrittrice, inoltre, è tra i fondatori del Festival of Italian Literature in London. È stata Italian Fellow in Literature all’American Academy di Roma. Oggi vive a Londra e collabora con il quotidiano La Repubblica.

IL LIBRO
Il romanzo, edito nel 2019 da La nave di Teseo, è tra i cinque finalisti del Premio Strega 2019 su proposta di Furio Colombo. In esergo è riportata una frase di Emily Dickinson, che recita “Dopo un grande dolore, viene un sentimento formale”: l’autrice fornisce una chiave di lettura che da un lato implica distanza da assumere rispetto agli eventi e al proprio percorso biografico e dall’altro insiste sulla costruzione data alle nostre esistenze. Non solo memoir o romanzo, La straniera ha una componente picaresca e avventurosa al suo interno perché i genitori dell’autrice hanno sempre raccontato versioni discordanti del loro incontro. Questo preambolo è stato il presupposto per condurre un’indagine familiare, allargata anche ai nonni materni emigrati negli Stati Uniti negli anni ’60, tracciata come una mappa topografica, e scandita attraverso i contenitori propri dell’astrologia: famiglia, viaggi, amore, denaro. La scrittrice stessa si è messa in una linea di successione con le donne della sua stessa famiglia, dalla nonna alla madre ed è emigrata a Londra all’età di ventisette anni.

 

Titolo: La straniera

Autore: Claudia Durastanti

Editore: La nave di Teseo

Anno: 2019

Lingua: Italiano

Isbn: 9788893447751

Torna agli appuntamenti di PAGINA 56

15 gennaio 2020: Corrado Augias, Giovanni Filoramo, Il grande romanzo dei Vangeli

Il nono libro scelto dal gruppo di lettura della Rendella è “Il grande romanzo dei Vangeli di Corrado Augias, Giovanni Filoramo.

GLI AUTORI
Corrado Augias, giornalista, scrittore e conduttore televisivo. Dopo diverse esperienze giornalistiche come inviato per L’Espresso, Panorama e La Repubblica, approda alla televisione e insieme al direttore di Raitre, Angelo Guglielmi, partecipa alla nascita della cosiddetta “TV-verità”, che cercava di istituire un rapporto il più diretto possibile con la realtà. Nascono così Telefono giallo (1987-1993), una serie di inchieste a metà tra documentario e fiction su episodi della cronaca nera italiana e il programma di divulgazione culturale Babele (1990-1993). Nel 2005 conduce, per la RAI, il programma Enigma. Cura una rubrica di recensioni letterarie sul supplemento settimanale Il Venerdì del quotidiano La Repubblica. La sua attività di scrittore spazia dal teatro alla narrativa, alla saggistica. Negli anni Sessanta Augias si interessò al teatro sperimentale e per il romano Teatro dei 101 scrisse Direzione Memorie (1966) e Riflessi di conoscenza (1967), entrambi interpretati da Gigi Proietti; del 1984 è invece L’onesto Jago. Augias ha pubblicato inoltre, nell’ambito della sua produzione letteraria, una trilogia di romanzi (Quel treno da Vienna, Il fazzoletto azzurro, L’ultima primavera) in cui, sotto specie di spy story con protagonista un fratello immaginario del dannunziano Andrea Sperelli, vengono raccontate pagine fondamentali della storia d’Italia, dalla guerra in Libia alla vigilia del fascismo. Nella sua opera giallistica spiccano anche testi come Giornali e spie (ricostruzione di una torbida vicenda di spionaggio durante la Grande Guerra), Telefono giallo, Una ragazza per la notte e Quella mattina di luglio. Risalgono invece al 1998 e al 1999 due opere sulla vita dell’artista livornese Amedeo Modigliani (Il viaggiatore alato e Modigliani). I suoi racconti sui lati oscuri delle città (da I segreti di Parigi a I segreti di Istanbul) vantano numerose ristampe, così come i suoi saggi best seller dedicati ai segreti del Vaticano e dell’Italia unita. Dalla collaborazione con il docente di storia del cristianesimo Mauro Pesce, nel 2006 nasce Inchiesta su Gesù, un dialogo volto a indagare le molteplici sfaccettature di una delle figure chiave della storia umana, seguìto, tra i tanti, da Disputa su Dio e dintorni (con il teologo Vito Mancuso), Inchiesta su Maria (con Marco Vannini, filosofo considerato il maggior studioso di mistica), Tra Cesare e Dio e Le ultime diciotto ore di Gesù. Da oltre un decennio si occupa di Cristo, di Vangeli, di fonti cristiane.

Giovanni Filoramo, professore emerito di Storia del cristianesimo presso l’Università di Torino, nella sua attività di ricerca e nella sua vasta opera saggistica ha indagato l’emergere dei movimenti gnostici tra il II e III secolo d.C. e la loro reviviscenza fino all’età moderna (Il risveglio della gnosi, L’attesa della fine, Veggenti, profeti, gnostici), come pure i rapporti tra cristianesimo e modernità, Chiesa e politica, con particolare riguardo ai fenomeni della religiosità contemporanea. È autore, con Marcello Massenzio, Massimo Raveri e Paolo Scarpi, del Manuale di storia delle religioni (1998, 2019) e ha curato diverse opere in volume, tra le quali: Storia delle religioni (Laterza, 1994-1997); Storia del cristianesimo (CDE, 1998-99, poi Laterza); Carisma profetico. Fattore d’innovazione religiosa (Morcelliana, 2003); La storia comparata delle religioni (con Natale Spineto, Istituti editoriali e poligrafici internazionali, 2003); Il Dio mortale. Teologie politiche tra antico e contemporaneo (con Paolo Bettiolo, Morcelliana, 2002); Teologie politiche. Modelli a confronto (Morcelliana, 2005). Per Morcelliana ha diretto anche l’opera in più volumi Storia della direzione spirituale (2006-2008), mentre per Einaudi ha curato il Dizionario delle religioni (1993) e la serie in quattro volumi Le religioni e il mondo moderno (2008). Negli ultimi anni ha pubblicato La croce e il potere (2011), Ipotesi Dio (2016) e Il grande racconto delle religioni (2018). Nel 2019 è autore, insieme a Corrado Augias, de Il grande romanzo dei Vangeli (2019).

IL LIBRO
Ne Il grande romanzo dei Vangeli (Einaudi, 2019), Augias torna su temi già affrontati nei volumi precedenti come L’inchiesta su Maria, condotta nel 2013 con Marco Vannini e adotta la formula del libro-conversazione, già sperimentata con successo sin dall’inizio con Inchiesta su Gesù (2006), in cui si confronta con Mauro Pesce (docente di storia del cristianesimo). L’autore esordisce con un’osservazione acuta ed altrettanto audace, lasciataci dal grande scrittore argentino, Jorge Luis Borges: “I testi sacri sono un ramo della letteratura fantastica”. Tenta così un’altra via di interpretazione delle Sacre Scritture e pone una premessa metodologica di indagine: I Vangeli sono spogliati da ogni riferimento teologico e arricchiti da ulteriori elementi umani. L’analisi storica dei Vangeli (parola che significa buona novella), è scandita da domande e risposte, talvolta è preceduta da brevi racconti, liberamente ispirati ai Vangeli stessi, o ad altre fonti; in questo modo l’autore del libro ricostruisce, completandoli con libertà narrativa, gli episodi straordinari della vita di Gesù; così come ricostruisce personaggi significatìvi per le vicende di cui si sta parlando, (personaggi che sono) irrigiditi dalla loro funzione ed identificati nel ruolo di simboli, potrebbero in realtà essere raccontati come personaggi e protagonisti di un romanzo, di un dramma, fatti di carne e sangue e arricchiti come ogni personaggio letterario di un plausibile “rivestimento fantastico”; i protagonisti dei Vangeli sono spogliati dalla rigidità indotta dalla teologia per farne personaggi della vita, uomini e donne. I Vangeli, come vedremo più avanti, tengono conto della loro finalità apologetica, che viene prima di ogni altro criterio logico, umano, e narrativo, descrivono, cioè le persone di cui parlano, a cominciare dal Protagonista, in maniera elogiativa e alla luce di un complessivo disegno teologico. I personaggi di cui si narra vengono proposti ai fedeli come esempi di vita. Augias è convinto che ricostruire l’aspetto letterario dell’insegnamento cristiano sia una risorsa per il mondo nel quale viviamo (sia per chi ha fede e sia per chi non ne ha) se si cerca nelle Scritture non più una Verità, ma un Significato.

 

Titolo: Il grande romanzo dei Vangeli

Autore: Corrado Augias, Giovanni Filoramo

Editore: Einaudi

Anno: 2019

Lingua: Italiano

Isbn: 9788806232801

Torna agli appuntamenti di PAGINA 56